Home Page - STEFANOCARLOVECOLI.IT

Architetto   &   Varia  Umanità
Vai ai contenuti

Menu principale:

MISCELLANEA N°1
Galleria Area Contesa Arte, via Margutta 90, Roma
Premio  Michelangelo
Querceta - Seravezza - Forte dei Marmi
in esposizione a Villa Bertelli
dal 21 Novembre al 06 gennaio
Nel 50esimo anniversario di quell'anno fatale, il 1968, quando molti protagonisti di allora si autocelebrano, questo libro racconta la storia di un gruppo di ingenui ragazzi che credevano e correvano dietro ai sogni.

se clicchi sull'immagine trovi il libro su Amazon
Gli anni “70, formidabili per alcuni, di piombo per altri.
Nella Versilia ruggente, dei mitici anni sessanta, un gruppo di ragazzi, di umili origini, cresce e diviene adolescente: sullo sfondo gli echi degli scontri al locale “La Bussola” e del caso Lavorini.
Si intrecciano intorno a loro figure nobili di donne dedite agli altri, militanti generosi, commercianti e popolani caratteristici, insomma una laboriosa e calda umanità; non mancano però politicanti cinici e arrivisti.
I ragazzi crescono e la scuola superiore viene vista come luogo di emancipazione e riscatto sociale. La tumultuosa passione politica di quegli anni si intreccerà con l’amore, le amicizie, e andrà a scontrarsi, tra forti emozioni e sogni di libertà e ribellione, con una realtà in cui si susseguono, i nItalia, attentati e stragi, scontri ideologici e violenze fisiche.
Il liceo, i professori, le prime cotte, le assemblee infuocate, le occupazioni, gli scontri con la polizia e con i fascisti, il tutto mescolato alla vita di provincia: è questo il crogiuolo in cui crescono questi giovani sinceramente appassionati.
Mentre il protagonista matura la sua capacità critica verso le speranze e i sogni dell’adolescenza e di un mondo migliore si giunge ad un episodio drammatico: un’aggressione di un gruppo di sinistra, di cui il protagonista fa parte, al suo amico d’infanzia, politicamente schierato a destra. L’agonia e poi la morte di questi sconvolgerà la sua coscienza, in un crescendo di sensazioni e ricordi.

Crescevano Sogni

Te lo ricordi ancora il ’68? Quando un’intera generazione “voleva tutto”, o meglio voleva cambiare tutto? Vecoli racconta bene il crescendo dell’euforia rivoluzionaria, la sensazione rassicurante di sentirsi parte di un tutto destinato a cambiare la storia, l’esaltazione degli slogan, il primato della politica in ogni aspetto della vita quotidiana: dalle letture alla musica, dal modo di vestire all’amore, divenuto d’improvviso esperienza facile e disinibita. Non tace l’Autore le contraddizioni e le ambiguità di quella esperienza: la paura del compromesso, la mancanza di realismo, le reticenze che alimentarono, a poco a poco, stanchezze e disinganni, frustrazioni e sconforto. Fino alle pagine finali, cupe e liberatorie assieme come risulta essere sempre la perdita dell’innocenza e l’ingresso nel mondo adulto. Un romanzo forse non “politicamente corretto”, ma “politicamente utile”: da criticare, magari; da restituire al mittente, se credete; ma assolutamente da leggere. (dalla prefazione di L.Luciani)
Presentazione Romanzo Giugno e Luglio 2018




Per richiederlo su amazon
clicca sull'immagine
Trailer del romanzo CRESCEVANO SOGNI di Stefano Carlo Vecoli

Libro d'Artista
In giro per la Toscana
dal 5 al 19 Aprile
Firenze
Palazzo Medici Riccardi
dal 13 al 20 dAprile
Lido di Camaiore
Galleria Europa
CRESCEVANO SOGNI
Romanzo di
Stefano C. Vecoli
La voglia di cambiare  il mondo, durante la stagione più tumultuosa e affascinante del nostro passato recente.
Il “68, gli anni Settanta visti con gli occhi e la storia di un gruppo di ragazzi del Piazzone (il mercato della città). La Grande storia rivista dentro la microstoria. Il Maggio Francese e il piccolo mondo di commercianti, le rivolte delle Università americane e i tuffi dal molo. Il Vietnam e le girate in bicicletta, anzi con un tandem auto-costruito, il liceo e la strategia della tensione. Tutto questo e tanto altro nelle pagine di CRESCEVANO SOGNI di Stefano Carlo Vecoli.
L’autore  racconta bene il crescendo dell’euforia rivoluzionaria, la sensazione rassicurante di sentirsi parte di un tutto destinato a cambiare la storia, lo stato d’animo di chi crede di essere sempre e comunque dalla parte giusta, l’esaltazione degli slogan, il primato della politica in ogni aspetto della vita quotidiana: dalle letture alla musica, dal modo di vestire all’amore, divenuto d’improvviso esperienza facile e disinibita. Non si tacciono  le contraddizioni e le ambiguità di quella esperienza: la paura del compromesso, la mancanza di realismo, le reticenze che alimentarono, a poco a poco, stanchezze e disinganni, frustrazioni e sconforto. Fino alle pagine finali, cupe e liberatorie assieme come risulta essere sempre la perdita dell’innocenza e l’ingresso nel mondo adulto.
Un romanzo forse non “politicamente corretto”, ma “politicamente utile”: da criticare, magari; da restituire al mittente, se credete; ma assolutamente da leggere
In tutte le librerie e nei migliori book store
isbn 978-88-99993-92-4

CRESCEVANO SOGNI
Il nuovo romanzo di
Stefano C. Vecoli
Porto Seguro Editore
lo trovate in tutte le  librerie
o nei migliori book store




potete richiederlo anche
direttamente all'editore
info@portoseguroeditore.it
o all'autore
spedizione gratuita
in tutta Italia con "Piego Libri"
(escluse isole)
Per richiederlo alla casa editrice Porto Seguro Editore
Senza spese di spedizione
info@portoseguroeditore.it

Trailer del romanzo CRESCEVANO SOGNI di Stefano Carlo Vecoli
Collettive da Dicembre 2017 a Febbraio 2018
Livorno,  Piombino e Pietrasanta
© Tutte le immagini di questo sito sono coperte da copyright e tutelate dal diritto d'autore.
In questo o nei  siti collegati, si fa uso di Cookie, andando avanti se ne accetta la presenza.
Codice in materia di protezione dei dati personali – Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196

 

Free web counter

Cerca
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu